Torta al testo con verdure: la ricetta per farla in casa.

torta-testo-verdure-olio-farchioni

Torta al testo con verdure: la ricetta per farla in casa.

Olio Farchioni
5 da 9 voti
Scopri la ricetta della Torta al Testo e i nostri consigli per prepararla a casa, cuocendola in padella.
Preparazione 15 min
Cottura 10 min
Tempo totale 25 min
Portata Antipasto
Cucina Italiana
Porzioni 4
Calorie 200 kcal

Ingredienti
 

  • 500 grammi Farina di grano tenero tipo 00
  • 500 ml Acqua frizzante
  • 400 grammi Cicoria
  • 10 grammi Olio extravergine di oliva Il Casolare Grezzo Naturale
  • qb Sale

Istruzioni
 

PER LA TORTA AL TESTO

  • Disporre la farina a fontana su un piano e aggiungere sale, olio e acqua.
  • Impastare per alcuni minuti fino a ottenere un composto liscio e omogeneo.
  • Lasciar riposare per alcuni minuti l’impasto coperto con un panno da cucina.
  • Stendere con un mattarello di legno, fino a ottenere una forma circolare alta circa 2 cm.
  • Disporre la torta su un testo ben caldo o su una padella antiaderente e forarla su un lato con i rebbi di una forchetta.
  • Farla cuocere fino a ottenere una doratura e una croccantezza uniformi.

PER LA CICORIA

  • Nel frattempo lavare e asciugare bene la cicoria.
  • Soffriggere lo spicchio d’aglio nell’olio extravergine di oliva.
  • Aggiungere la cicoria e cuocere fino a che non risulterà ben appassita.
  • Tagliare accuratamente la torta lungo il suo diametro utilizzando un coltello a dentatura stretta.
  • Farcirla in maniera uniforme con la cicoria e richiudere.
  • Tagliare a spicchi e servire.

Guarda La Videoricetta

La Torta al testo è un piatto tipico della gastronomia umbra: una focaccia bassa a base di acqua e farina (senza lievito), conosciuto anche come caccia o crescia, di cui oggi ti daremo la ricetta e qualche consiglio utile per prepararla a casa, cuocendola in padella.

Perché si chiama torta al testo?

Il nome torta al testo deriva dal tradizionale disco in ghisa (chiamato appunto testo), sul quale viene cotto l’impasto, il cui nome discende dal termine latino “testum”. Questo speciale utensile è perfetto per cuocere focacce, in quanto trasmette il calore in maniera uniforme (evitando che alcune parti si brucino) e lo mantiene a lungo.
Il testo, utilizzato già nell’antica Roma, non era altro che una tegola in terracotta sulla quale venivano preparate le focacce. Questa tecnica di cottura era utilizzata soprattutto dai soldati, soliti cuocere il proprio cibo velocemente e con mezzi di fortuna.
La torta al testo, una delle tante ricette regionali a base di pane non lievitato, in passato veniva preparata come sostituto del pane vero e proprio, in occasione di vendemmie e mietiture, in quanto ideale per sfamare molte bocche dopo un’intensa giornata di lavoro.
Oggi questa specialità può essere acquistata in molte panetterie, ripiena di affettati, formaggi e verdure, ma quella fatta in casa è tutta un’altra cosa...

Torta al testo: consigli di preparazione.

La ricetta della torta al testo con verdure è semplice e veloce, e per l’impasto servono solo acqua, sale, olio e farina, che però vanno lavorati nel modo giusto:
  • Per quanto riguarda la farina, utilizza quella di grano tenero di tipo “00”, perfetta per preparare pane e dolci. Noi abbiamo utilizzato la Farina per Torta al Testo Farchioni, ottenuta da grani umbri pregiati, attentamente selezionati e lavorati con metodi tradizionali, sottoposti a una macinazione lenta che non altera le proprietà del glutine, fondamentale per dare tenuta all’impasto.
  • Per quanto riguarda l’acqua, ti consigliamo di non usare quella del rubinetto, in quanto spesso contiene molti sali disciolti, che rischiano di rendere l’impasto troppo tenace e poco fragrante, e viene addizionata con il cloro, che potrebbe alterare il gusto della torta. L’ideale sarebbe utilizzare acqua minerale in bottiglia, possibilmente frizzante, in quanto l’anidride carbonica in essa contenuta crea delle micro bollicine all’interno dell’impasto, rendendolo più fragrante.
  • Per quanto riguarda l’olio, è d’obbligo utilizzare quello extravergine di oliva, sano e leggero, ideale per dare quel tocco di gusto in più all’impasto e perfetto anche per cuocere la cicoria, grazie al suo alto punto di fumo, che tiene perfettamente tutti i tipi di cottura. Noi abbiamo scelto l’olio extravergine di oliva Il Casolare Biologico Farchioni, non filtrato, estratto a freddo, dal caratteristico profumo delle olive appena frante, imbottigliato come esce dal frantoio, perfetto per conferire a questa ricetta semplice e golosa quel tocco in più che la rende unica.

Vinci una fornitura annuale di Olio Il Casolare